IL CLUB DEI TIFOSI DELL' AS ROMA A CHIUSI SCALO (SI)
 
Claudio Ranieri
 
     
  10/10/2010 - Siamo alla ricerca del Mister, alla ricerca di quell'allenatore "martello" che tanto ci ha fatto sognare solo pochi mesi fa. Dobbiamo capire qual è quello vero, se il condottiero dal polso duro che ha preso la Roma in crisi di identità all'inizio dello scorso campionato e l'ha portata a sfiorare lo scudetto, oppure se è quello di questo inizio di stagione che ci appare confuso nello schierare la squadra, nel fare le sostituzioni a partita in corso e nella gestione delle conferenze stampa e dello spogliatoio. Io credo che probabilmente nessuno dei due momenti vissuti col Mister in panchina sia lo specchio dei reali valori espressi dalla classifica; Ranieri ha preso la squadra da Spalletti in un momento difficile e può di certo vantare una grande scalata in classifica accompagnata da 24 risultati utili consecutivi, come solo Capello era riuscito a fare, ci ha portati ad essere primi in classifica fino alla sciagurata sera con la Sampdoria ed in finale di Coppa Italia, però dobbiamo dire che il gioco espresso dalla squadra non è quasi mai stato particolarmente esaltante ed alcune partite vinte nei minuti di recupero hanno forse cambiato la percezione del valore assoluto della Roma. Di sicuro il Mister aveva dato alla squadra il carattere giusto da esprimere in campo, perché se è vero che vincere le partite nei minuti di recupero ha bisogno della sua buona percentuale di fortuna è anche vero che ci devi credere nella vittoria, devi avere la mentalità di lottare fino alla fine. Quanto di buono era stato fatto è svanito in estate ed alla ripresa della stagione non abbiamo più trovato quello che avevamo lasciato, la classifica è da ricovero ospedaliero, ma la cosa che appare veramente grave è la condizione fisica e mentale dei giocatori che non solo non sembrano più essere una squadra ma nemmeno giocatori di calcio. Si segnano pochi gol, se ne incassano troppi e soprattutto non si corre, non si fanno movimenti senza palla, sovrapposizioni, cross, inserimenti, si spera solo nell'invenzione di qualcuno e che la difesa regga fino alla fine. Purtroppo non succede quasi mai ed i risultati si vedono. Inutile nascondere che Ranieri sembra avere la maggior parte delle responsabilità di questa situazione e le perplessità a riguardo ci crescono se vediamo fare sostituzioni che spesso sono andate a coinvolgere quei giocatori che in campo sembravano tra i meno peggio; Menez nonostante stia partendo sempre titolare, tutto sommato sembra uno dei pochi in grado di dare una svolta al prevedibile gioco della Roma è stato sostituito per tre volte consecutive alla fine del primo tempo. Questo non si fa Mister, anche perché mi costringe a pensare che per tre volte ha sbagliato a farlo giocare dall'inizio se poi lo toglie così presto. La gestione del Capitano è tutta da chiarire, perchè al di là delle dichiarazioni di facciata sembra che in qualche modo influisca, anche se non direttamente, nelle scelte tecniche. Anche Capitan Futuro dall'arrivo di Ranieri non sembra essere più lui e questo forse perchè probabilmente la posizione in campo o il modo in cui gli si chiede di giocare non lo fanno rendere al meglio. Lasciando da parte questioni tecniche e tattiche rimango sconcertato quando sento dire in conferenza stampa dal Mister che la squadra ha giocato bene dopo la partita di Monaco o che ha perso con il Napoli solo per due contropiedi. A Clà c'avemo un sacco de tatuaggi ma no l'anello ar naso!!! Qual è il vero Ranieri, il martello od il confuso? Quello che alla fine del primo tempo al derby toglie Totti e De Rossi tra lo stupore generale e poi ribalta il risultato o quello che toglie Menez tre volte consecutive? Mister ci dimostri che questo inizio è stato solo un caso, un momento difficile per tutti, nessuno si aspetta di vedere un gioco spettacolare come quello del Barcellona, ma basta che lei ricominci a martellare veramente,che restituisca alla squadra quella cattiveria agonistica che ci serve, quella tigna "Testaccina" che fa parte del suo dna e sono certo che i risultati torneranno a sorridere e poi quel che sarà sarà…… FORZA ROMA

Simone